Articoli Correlati

14 Commenti

  1. 1

    gaetano motta

    a mio avviso, come era prevedibile ha suscitato grande interesse e notevole successo la tavola rotonda organizzata dalla fabi. non me ne voglia nessuno, ma ho francamento molto apprezzato la chiarezza, la lungimiranza e la determinazione del ns segretario generale nelle risposte date alle domande del moderatore del dibattito. micheli, che certamente non è nel suo lavoro il primo arrivato, è stato messo seriamente in difficoltà dal ns segr generale, che senza giri di parole lo ha messo all angolo ricordandogli che l aumento salariale spetta e che sull introduzione della indennità di disoccupazione la fabi non arretra di un millimetro della propria posizione che è quella di assoluto diniego.

    Rispondi
    1. 1.1

      Lando Maria Sileoni

      Hai effettivamente colto nel segno il nucleo della questione.
      L’aumento salariale, che è solo una parte dell’intero impianto contrattuale, ci spetta perché legato al recupero dell’inflazione che l’Abi ha già firmato in sede di riforma degli assetti contrattuali nel 2009. Sull’indennità di disoccupazione, non ti preoccupare, sapremo tenere il punto fermo.

      Rispondi
  2. 2

    giovanni di gennaro

    Si è concluso il 117° Consiglio nazionale della FABI che era iniziato con la relazione di Mauro Morelli per conto della Segreteria. Lando, che dire, sei veramente un grande Generale. Le tue conclusioni con cui hai illustrato in maniera semplice e comprensibile, una piattaforma contrattuale che ci impegnerà nei prossimi mesi, hanno contribuito, qualora ve ne fosse stato bisogno, a confermare il tuo spessore politico e la tua grandissima professionalità. Non credo che queste mie esternazioni, sincere e sentite, possano essere scambiate per piaggeria, non mi sarei mai sognato di dire ad altri le stesse cose, perchè purtroppo non avevo mai incontrato nella mia lunga “carriera” sindacale, persone con le tua capacità. Bravo, vai avanti, ti seguiamo passo passo.

    Rispondi
    1. 2.1

      Lando Maria Sileoni

      Leggo con attenzione e apprezzo le tue valutazioni.
      Volevo fossero chiari i contenuti del rinnovo contrattuale e che fosse altrettanto chiaro che sarà un percorso non privo di ostacoli.
      Per questo è necessario il coinvolgimento e il sostegno di tutti i quadri sindacali e di tutta la categoria.
      Dobbiamo diffondere tra i colleghi la forte determinazione della Fabi affinché le proposte si traducano in risultati concreti.

      Rispondi
  3. 3

    Carmelo Raffa

    Eccezionale organizzazione della tavola rotonda che ha fatto percepire a tutti gli addetti ai lavori la centralità della FABI. Purtroppo anche qualche nota stonata da me evidenziata nel corso del Consiglio Nazionale. Nei prossimi giorni si avvierà concretamente l’iter per il rinnovo del CCNL. Come FABI la linea da seguire è chiara. Speriamo che altrettanto facciano le altre sigle sindacali. Siamo certi che il nostro Segretario Generale porterà avanti e fino in fondo non solo le rivendicazioni ma non faciliterà in alcun modo le assurde pretese dell’ABI sui temi del Fondo Esuberi e indennità di disoccupazione.Il Segretario Generale e la Segreteria Nazionale non sono soli in questa battaglia perchè alle spalle avranno il sostegno dei 100 mila iscritti e come quadri sindacali dobbiamo essere pronti alle barricate ed allo scontro.

    Rispondi
    1. 3.1

      Lando Maria Sileoni

      Ero certo che avresti apprezzato la scelta di portare alla tavola rotonda il responsabile sindacale dell’Abi.
      Stai pur certo che la Fabi saprà condurre all’interno del nostro percorso anche le altre OO SS.
      Come dici tu, la sensibilizzazione della base sarà decisiva per il progresso della trattativa.

      Rispondi
  4. 4

    Antonino Esposto

    In estrema sintesi: orgoglioso di far farte, da tanti anni, di un Sindacato Autonomo come la FABI.

    Rispondi
    1. 4.1

      Lando Maria Sileoni

      E in sintesi ti rispondo che la nostra forza sono i quadri sindacali come te.

      Rispondi
  5. 5

    Enzo Marino

    Per la prima volta abbiamo assistito ad una tavola rotonda, che anticipava la trattativa di apertura del CCNL previste per il 7 aprile p,v,.Grande abilità del nostro Segretario Lando Maria Sileoni, il quale ha ” costretto” il rappresentante dei Banchieri in ABI F.sco Micheli ad esporsi e sbottonarsi.Sono inacettabili le affermazioni del Micheli, che non auspica nessuna possibile apertura all’adeguamento economico proposto dalle OO.SS., men che meno l’importo stimato di € 204,00,Trovo odioso l’aforisma del Micheli: non c’è trippa per gatti.Trovo meschino che lo stesso sottolinei uno stato di crisi conclamato delle banche.Trovo inacettabile l’inerzia degli altri segretari, i quali avrebbero dovuto sostenere e rafforzare la linea di Lando.Come era prevedibile e senza mezzi termini il nostro Lando apertamente ha replicato al Micheli, che continueremo la nostra linea intransigènte .Caro Lando sappi che il tuo modo di agire è condiviso da tutti, pertanto, continua che saremo al tuo fianco.

    Rispondi
    1. 5.1

      Lando Maria Sileoni

      È proprio quello che volevo: far partecipare tutti i dirigenti sindacali, che hanno assistito alla tavola rotonda, allo scenario che, in sede più ristretta, si replicherà nelle diverse fasi della trattativa. Micheli, come si è visto, sa fare il suo lavoro, descrivendo un contesto negativo in cui si dovrebbe inserire il rinnovo contrattuale.
      Noi abbiamo le giuste argomentazioni, la responsabilità, la forza dei numeri e della ragione per sostenere la nostra linea.

      Rispondi
  6. 6

    Paolo Hénin

    Vero, verissimo! La tavola rotonda che ha preceduto il nostro 117° Consiglio Nazionale, è stato un “unico”, nella storia della nostra Organizzazione. Un evento di tale rilevanza, di tali contenuti e ti tale collocazione strategica, non ha precedenti in Fabi. Come straordinari ed unici, al momento, sono stati gli snodi che maggiormente hanno contrassegnato il dibattito al tavolo, seguito con esemplare stile ed attenzione dal “popolo” fabiano. Su tutti emerge la denuncia coraggiosa con la quale, Lando, hai sciorinato senza incertezze, di fronte al diretto interessato e all’opinione pubblica, i dati della “vergogna”, quelli relativi alle ipertrofiche ed insostenibili “governance bancarie”. Bravo! Ci voleva, finalmente! E da lì non torneremo più indietro. Quei numeri, accompagnati dalle iperboliche cifre dei relativi costi di sostentamento, sono un vero schiaffo in viso all’equità e alla giustizia sociale. La Fabi, attraverso le tue parole, ha puntato l’indice con immediatezza e forza su quella fonte di squilibrio. La “standing ovation”, seguita alla replica che ha chiuso i lavori del successivo C.N., confermano che tutta l’Organizzazione rilanciata è concorde e compatta anche su queste posizioni. Entusiasmo a 1000 e motivazione alle stelle per tutti! Nuovamente un gran plauso, Lando!

    Rispondi
    1. 6.1

      Lando Maria Sileoni

      Continueremo a denunciare, anche nel futuro, in tutte le sedi, questo insostenibile squilibrio tra il reddito dei bancari e quello dei top manager.
      Differenza ormai insopportabile, in modo particolare in un periodo di crisi.

      Rispondi
  7. 7

    ferrazzani ferrazzano

    Grande, grandissima Tavola rotonda. Tanto più grande perchè ha mostrato a noi che non ne avevamo bisogno ma a tutta l’opinione pubblica la differenza tra la Fabi e gli altri, lo spessore politico-sindacale del nostro segretario generale e quello( sic!) dei segretari delle altre organizzazioni.
    Ho inoltre enormemente apprezzato e condiviso tutto ciò che hai detto ( e il come l’hai detto ) nella più bella relazione finale degli ultimi anni.
    Grazie di tutto

    Rispondi
    1. 7.1

      Lando Maria Sileoni

      Le tue osservazioni mi confermano che abbiamo scelto la strada giusta, utile per l’organizzazione e la categoria.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copyright © 2011-2019 Lando Maria Sileoni. Tutti i diritti riservati