Articoli Correlati

2 Commenti

  1. 1

    Fabio Fiacchi

    La dichiarazione di Lando sulla rubrica ” Fuori Onda ” della ns web Tv e’ come al solito di grande spessore , ricca di contenuti e politicamente impeccabile. Questo durissimo attacco dei Banchieri con la disdetta del contratto nazionale porterebbe la caduta della categoria. I colleghi , e rappresentanti sindacali sono stati capillarmente avvertiti e sono pronti alla mobilitazione e allo schieramento insieme a Te per arginare e controbattere l’arroganza e le pretese dei Banchieri. Disdettando il contratto la categoria si troverebbe ” in un mare in burrasca senza alcun riferimento “. Sono sicuro , Lando , che il 16 in ABI guiderai , come sempre , la nave riportandoci in salvo sulla ” terra ferma ” . Grazie e buon Lavoro.

  2. 2

    Andrea urbani

    …allora si annuncia burrasca, nonostante risultati positivi nei conti delle banche e nonostante una paventata ” ripresina” sembri essere in atto; peccato che in ABI evidentemente non conoscano ancora bene di che pasta sia fatto il personaggio che anni guida la Fabi e che da anni si porta praticamente dietro le altre sigle (salvo pochissime invidiosissime eccezioni). Peccato che non abbiano notato una passione reale e letteralmente irriducibile, abbinata ad un pragmatismo frutto di buon senso e soprattutto conoscenza; peccato sottovalutino un carisma così suggestivo e trascinante (assistere ad un suo intervento, prego) da suscitare un seguito istantaneo e totale, quasi da “dio del rock” che combatte i suoi demoni da un palco chiamando a raccolta la sua gente, un Dave Gahan che si immedesima nei nemici per poterli abbattere, tramite la poesia della parola e l’amore per le persone, parametri assenti in macroeconomia. E allora, visto che si annuncia burrasca, burrasca sia…peccato che, per il personaggio di cui sopra, la burrasca sia da sempre il suo habitat naturale…peccato…

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copyright © 2011-2021 Lando Maria Sileoni. Tutti i diritti riservati